Blockhaus de la Foux

Sito e monumento storici ( XX secolo )
Gassin
Back
Lingua
Francese

L’edificio è stato costruito per la protezione del golfo di San Tropez durante l’Occupazione.

Il bunker del tipo R680 ospitava un cannone antichar PaK 40 di 7,5 cm per difendere il quartiere della Foux, incrocio delle strade che conducevano a Santa Maxima (nord), Cogolin e poi il Molo e l'interno dei Mauri (ovest), La Croce Valmer (sud) e Saint-Tropez (est).
L’edificio è dotato di un sistema di scarico antigas presente davanti alla facciata (fossa calcinata, detonazione gruba, che consente l’estrazione dei gas al momento del tiro dal pezzo anticarro, in modo che le sostanze chimiche non entrino nel locale, consentendo la continuità del tiro con i server, tirando a 75 mm. Il locale presenta sul tetto dei bei effetti di camuffamento realizzati durante la casemata con, in particolare, delle tavole di legno incrostate nel calcestruzzo fresco. Rimane sul tetto dei ganci che permettono di fissare reti di camuffamento. L'interno è stato danneggiato da un'esplosione interna. L’insieme è completato da un serbatoio sul retro del blockhaus e da un tobrouk o da un bunker VF integrato ormai al muro di chiusura di una proprietà vicina.

Blockhaus de la Foux
RD 559
83580 Gassin
Apertura