Mulino 'Brûlat'

Sito e monumento storici
Gassin
Back
Animali accettati Parcheggio Area pic-nic
Ambiente
In prossimità di una fermata di un mezzo di trasporto pubblico
Villaggio a -2 km
Fermata autobus a meno di 500 m
Vista sul vigneto
Lingua
Francese
Attrezzatura
Area picnic
Parcheggio
Servizi
Animali ammessi
Parcours

Le moulin Brûlat se trouve sur le chemin de Villevieille, sur la route qui reliait l'ancien et le nouvel emplacement de Gassin. En pleine nature, il accueille une aire de pique-nique avec une vue superbe sur le golfe de Saint-Tropez.

I primi mulini noti a Gassin furono opera dei romani: erano mulini a mano. Solo le scoperte archeologiche ci informano su questo punto.
Nei secoli seguenti furono istituiti mulini idraulici, ma in questa regione della Provenza senza fiumi significativi e dove i periodi di siccità sono lunghi, la loro resa era bassa e irregolare.
L'espansione delle turbine eoliche nel Medioevo fu una rivoluzione. Siti come questo, che si estendevano da nord a sud, venivano utilizzati per sfruttare al meglio i venti: il maestrale e il vento orientale. Il mulino di Brûlât ha permesso alla comunità del villaggio di macinare il grano e ottenere un elemento essenziale della vita in quel momento: la farina. Furono costruiti diversi altri mulini a vento: a Saint-Martin, a Bestagne e in particolare a Château Bertaud.
Il mulino Brûlât è caratteristico dei mulini della Provenza, con un diametro leggermente inferiore alla media (5,8 m). Ha ancora la sua botte, realizzata in muratura di pietra locale. Il muro ha uno spessore di circa 1 metro alla base e 80 in cima. Anche la volta interna parzialmente crollata è in pietra. Una scala inizia a destra della porta d'ingresso; permetteva di raggiungere il pavimento dov'era la macina. I telai in mattoni sono scomparsi, così come gli intonaci esterni.

La toponomastica ricorda l'importanza dei mulini nel passato: Moulin Brûlat, de Bestagne, de Verdagne, Patty, Aire du Moulin vieux, Le Moulin, Les Mollins, lo Molin Aurier, Lo Molin Rodier, Mollin d'eau, Lo Molin dels Benes ...
Il villaggio ospitava anche mulini a sangue, alimentati dal potere degli animali e utilizzati per l'olio d'oliva.

All'inizio del XIX secolo, le macine utilizzate venivano prodotte lontano dal Golfo di Saint-Tropez e arrivavano via Marsiglia. C'erano poi tre mulini a vento in funzione a Gassin, di proprietà di Mademoiselle Castelanne per uno e dei signori Garachon e Meyriès per gli altri due. Quest'ultimo era anche il proprietario di uno dei tre mulini ad acqua della città situati sulla Bourrian. Questi mulini ad acqua funzionavano solo per pochi mesi all'anno quando questo fiume era fortemente rifornito dalle piogge.
Nel 1850, tre mulini operarono sotto la direzione dei tre mugnaio che possedevano Gassin, i signori Bonnard, Héraud e Rimbaud, impiegando un totale di 5 persone.
L'ascesa dei mulini industriali (due stabilimenti con motori a vapore furono creati a Cogolin e La Môle e nel 20 ° secolo altri due a Grimaud) suonò la campana della morte per i mulini Gassin e, nella seconda metà del 19 ° secolo, cessarono di lavoro.
L'origine del nome Brûlat non è nota: Brûlat è un cognome attestato in Provenza, ma non nel Golfo prima del XX secolo, in modo molto isolato; il nome potrebbe derivare dalla radura di questa terra o da un incendio che potrebbe essersi verificato lì.

Prezzi

Gratuito.

Moulin Brûlat
Chemin de Villevieille
83580 Gassin
+33(0)4 98 11 56 51
accueil@gassin.eu
gassin.eu
Apertura

Tutto l'anno, ogni giorno.